Tuesday, May 4, 2010

L'incredibile Hulk: la recensione


Il film del 2008 di Louis Leterrier rende giustizia ad uno dei più famosi supereroi Marvel (secondo solo a Spider-Man) dopo il mediocre lavoro di Ang Lee di 5 anni prima.
Praticamente tutto, a partire dalla prima scena con la meravigliosa oanoramica delle favelas brasiliane fino ad arrivare alla consueta scena "bonus" in coda al film (questa volta l'ospite d'onore è Tony Stark), rispecchia fedelmente la controparte cartacea dell'eroe verde e riesce a trasmettere allo spettatore la profondità di ogni singolo personaggio.
Ovviamente tutto gira intorno alla doppia personalità di Bruce Banner, in questa occasione interpretata in modo magistrale da Edward Norton (che anche se non accreditato ha partecipato alla stesura della sceneggiatura). Proprio la scelta degli attori sembra uno degli aspetti migliori di tutta la produzione; Norton è l'attore ideale per ricoprire il ruolo di Banner: esile, dai modi pacati, emana quel senso di disagio perenne che accompagna l'alter-ego di Hulk eternamente in fuga. Liv Tyler, bravissima e come sempre splendida, sembra perfino sovrastare fisicamente Norton, dando una ulteriore sfumatura alla dimensione del gap che divide Banner dal gigante verde.
Altrettanto perfetti Tim Roth (anche lui attore molto minuto che si trasforma nel monumentale Abominio) e William Hurt nei panni del Generale Ross.
La trama non è certo originalissima ma non è la storia ad effetto quella che cerca chi si rivolge a questo tipo di film. L'azione è invece godibilissima senza mai essere soverchiante rispetto agli altri aspetti della pellicola che invece ci fa apprezzare la personalità del protagonista combattuta fra l'amore per Betty (che nel fumetto viene uccisa proprio da Abominio) e il desiderio di proteggerla allontandosi da lei e dalle mire del padre.
Molto meno fracassone del primo film, con un Hulk molto più umano e meno "fumettoso" del precedente, per il momento a mio parere è questo il film del filone dei supereroi Marvel più riuscito e godibile.

No comments:

Post a Comment